CONNUBIO DI BELLEZZA, QUALITÀ, ARTIGIANALITÀ

Pensare alla mobilità elettrica e collegarla al concetto di bellezza.

Immaginare una bici elettrica e ambirla come un oggetto dei desideri.

Spostarsi con un veicolo elettrico con l’orgoglio di possedere un prodotto customizzato unico.

Vi sembra impossibile? Allora non conoscete ancora le bici di Luca Agnelli!

LA STORIA

Restauratore di mobili antichi agli esordi lavorativi, segue poi la sua vocazione di artigiano ‘d’altri tempi’ decidendo di voler creare un prodotto che possedesse, oltre ad elevati standard qualitativi, una particolare caratteristica, un tempo intrinseca ed usuale nell’artigianato italiano ed oggi così rara: la bellezza.

Luca si appassiona all’idea delle bici elettriche e persegue l’obiettivo con l’intuizione di fondere ciclomoto degli anni ’40 con telai di biciclette anni ’90. È la scelta decisiva per raggiungere l’intento dell’armonia estetica, e gli permette di risolvere il problema dell’eccessiva visibilità delle batterie. Le colloca infatti all’interno dei serbatoi delle cliclomoto!

Tutto il lavoro che ne segue (l’unione con il telaio, l’aggiunta di manubrio, parafanghi, sella fino agli accessori) è realizzato con minuziosa attenzione ad ogni dettaglio e determina l’unicità di ciascun manufatto che esce dal laboratorio. Per questo motivo non troverete un e-commerce dove riempire il carrello di biciclette elettriche Agnelli! Troppo commerciale e qui di standard c’è davvero poco come avete capito.

Non preoccupatevi però! I metodi tradizionali di contatto come la mail o una telefonata (a fondo pagina i riferimenti) sono alquanto immediati e vi permetteranno di sapere cosa Luca ha a disposizione al momento o in che tempi sarà possibile realizzare la vostra personalissima vintage e-bike. Magari prendendo spunto da una di quelle esposte nel sito (www.agnellimilanobici.it) e di cui vi siete invaghiti.

LE CREAZIONI

Luca Agnelli ama definire i suoi manufatti delle ‘creazioni’, aggiungo io dell’ingegno e delle mani. Visitando il suo sito potrete visionare quelle fino ad oggi costruite, tra le quali la mia preferita è la numero 020620161019.

bici elettrica agnelli

Il nome-codice identifica il mese e l’anno in cui è stata terminata.

Telaio in acciaio di fine anni ’90, serbatoio di un Guzzino 65 anno 1955 ca., motore Bafang 36V con batteria Panasonic 10 Ah che garantisce una autonomia compresa tra i 40 e i 70 km, cambio a 6 velocità “regolato a 3”, ossia con tre corone effettivamente utilizzabili e le restanti adoperate come “spessore” per allineare correttamente la catena, fari e display a led, sella e manopole Brooks. Portaoggetti completamente realizzato su misura, come tutti gli accessori di ogni modello, con un cuoio di alta qualità dall’aspetto vissuto e consunto. Il color crema ricorda quello dei furgoncini dei gelati degli anni ’50 si abbina perfettamente con il cuoio che ricopre le sommità superiori ed è esattamente la stessa tonalità di quello dei copertoni. Non c’è che dire è bella da qualsiasi angolazione la si guardi.

La numero 010320179001-sidecar deve essere citata.

bici elettrica agnelli

Dove altro troverete un prodotto artigianale di questo tipo?

Telaio in acciaio di fine anni ’90, serbatoio di un Motom 1960 ca., motore Bafang 36V con batteria Panasonic 10 Ah, cambio a 6 velocità “regolato a 3”, fari e display a led, manopole Brooks, sella trapuntata a mano, vari portaoggetti realizzati appositamente.

Uscire per una gita domenicale alla guida di questo mezzo vi renderà iperstilosi, non passerete di certo inosservati e senza dubbio susciterete più di qualche invidia. Come non innamorarsene?

I modelli disponibili sono davvero tanti, io ne ho scelti due da mostrarvi ma se vi ho incuriosito potete vedere la gamma completa sul sito www.agnellimilanobici.it.

I prezzi delle bici elettriche Agnelli sono da richiedere direttamente a Luca, orientativamente si aggirano dai 11.000 ai 23.450 euro.

Come promesso ecco i contatti:

Tel 02942 08 05 e-mail info@agnellimilanobici.com

Nel caso decidiate di regalarvi una preziosa e originale bici elettrica Agnelli, non mi rimane che augurarvi di vivere delle splendide esperienze di viaggio in buona compagnia!